Focus economia30/09/2022

Accordo Ue sulle misure contro il caro energia. Manca il tetto al prezzo del gas

  • 0

I ministri europei dell'Energia hanno raggiunto un accordo politico sulle misure per mitigare gli alti prezzi dell'elettricità: taglio dei consumi, tetto agli extra-ricavi per i produttori di energia elettrica e il contributo di solidarietà dei produttori di combustibili fossili.
Per il taglio ai consumi si prevede sia del 10% della domanda di elettricità, con una quota del 5% nelle ore di punta, tra dicembre 2022 e marzo 2023. Sugli extra-ricavi si prevede un tetto di 180 euro a megawatt per le grandi compagnie energetiche che producono elettricità da fonti a basso costo come rinnovabili, nucleare e carbone.
Le compagnie dell'oil&gas dovrebbero poi versare una tassa sulla base dei profitti straordinari realizzati nel 2022, calcolati sulla base degli ultimi 4 anni a partire dal 2018.
Resta aperto il nodo del tetto al prezzo del gas. La proposta della Commissione riguarda al momento solo il gas russo, mentre 15 capitali tra cui Italia e Francia chiedono un tetto generalizzato a tutte le importazioni.
Infine, un'altra misura richiesta dai Paesi è l'introduzione di un nuovo indice Ue parallelo al Ttf che rifletta meglio il mercato mondiale
Ascoltiamo il commento di Adriana Cerretelli - editorialista del Sole 24 Ore.

Inflazione record in Italia, incidono gli alimentari
Le stime preliminari diffuse dall'Istat registrano per il mese di settembre un balzo dell'inflazione del +8,9% su base annua. A spiegare l'accelerazione dei prezzi non sono solo gli "energetici", ma soprattutto i beni del cosiddetto "carrello della spesa" ai massimi dal luglio 1983. I prezzi degli alimentari segnano infatti un +11,5% (ad agosto si era registrato un +10,1%). Ne parliamo con Mariano Bella, direttore Ufficio studi Confcommercio

Da non perdere

Noi per voi